Maurizio BologniniMaurizio BologniniMaurizio Bolognini
  
Senza titolo, serie Écriture automatique/Game Addiction, 2017. Courtesy Galerie L'Entrepot, Montecarlo.
   

Programmed Machines: IMachines (1988-)

Mi interessava l'operatività della macchina (la macchina funzionante), che mi consentiva di lavorare con la velocità, la ripetizione e la variazione infinita.......

Installazioni di computer (IMachines) programmati per produrre flussi inesauribili di immagini casuali e lasciati funzionare all'infinito.
Installations of computers (IMachines) which are programmed to produce endless flows of random images and left to function indefinitely.

IM #9, Courtesy Roger Smith Lab, New York, 2006. (Photo Matt Semler)

 

 

 
Enrico Pedrini + Bolognini's IM#9 (1988), Roger Smith Lab, New York, 2006.

"My machines do not know whether they want to be considered art. All they know is that they want to function without interruption, and they are not bothered about where this happens. When they are not "sealed", they produce tangles of lines that can stream out mile upon mile before your eyes.
They get along with your phone and with e-democracy, which sometimes they use to hook up with the public, but they cannot stand hi-tech. What they have in common with new media art is the fact that we are part of an epoch-making technological upheaval whose implications need to be understood. However, they have nothing to do either with digital activism or with technological experimentation as an end in itself......."

      


 
IMachines, Courtesy Macro-Museo di Arte Contemporanea, Roma, 2011

"The conclusion I came to about this was that in these series my work is the machine, programmed and running, and then, if it is not 'sealed', in other words if it can be hooked up to a monitor or a projector, the operation can be carried out by anyone (a curator, a collector, etc.) and according to any criterion. Once programmed, the machine is self-sufficient and how it is used is no longer any of my business......"

   
IM#16 (1992), Courtesy Museo dei Mezzi di Comunicazione, Palazzo dei Priori, Arezzo, 2010


 Maps (1997-)

"Le Mappe sono delle schermologie, quasi una genealogia degli schermi usati dal 1992. Le vedevo anche come Vie dei Canti (le Songlines degli aborigeni australiani): ogni tessera è una traccia dei flussi che l'hanno generata e un landmark nello spazio che stai guardando......."

Traiettorie casuali generate da IMs, plottate su mappe geografiche o altre superfici. 
Random trajectories generated by IMs, printed on geographical maps and other surfaces.

         





             
         Senza titolo (Mappe), 2002, collage su poster, cm 40 x 60

                                       
                                        Senza titolo (Mappe), 2002, stampa laser su carta geografica, cm 50 x 50 x 50

 

Room #11 (2007-)

Una collezione di oggetti dalla casa dell'artista, incisi e graffiati dalle traiettorie casuali di un dispositivo laser guidato dalla Macchina #11.
A collection of objects from the artist's house, engraved and scratched by the random trajectories of a laser device driven by Machine #11.

     Maurizio Bolognini    Maurizio Bolognini

              
Superficie circolare nera, 2007, incisioni laser, cm. 56
Senza titolo, incisioni laser su cartone, 2009, cm. 123 x 100

Game Addiction (2016-)

“Game Addiction funziona come una slot machine e come la speculazione finanziaria: c'è lo stesso tipo di esperienza (del caso e del tempo), che consiste nell'affidarsi compulsivamente a eventi casuali futuri.”

“In Game Addiction l'interfaccia mediale è azzerata e ci si può affidare solo al caso e all'istante successivo, come in una scommessa o in un gioco d'azzardo: un computer senza schermo è programmato per scegliere ciecamente un numero prestabilito di immagini e segni, memorizzando ogni x secondi altrettanti istanti del flusso generativo (prodotto da vari software, di periodi diversi). Le immagini vengono quindi ordinate, una accanto all'altra, secondo la sequenza stabilita dalla macchina, e stampate su fogli di vinile, diventando un'opera che può piacerti o no.....

Senza titolo, serie Écriture automatique/Game Addiction, cm 100 x 150

 

 

Programmed Machines: WMachines (1988-)


Installazioni di computer
(WMachines) programmati per produrre flussi di parole e voci (in latino) che si ascoltano in tempo reale nello spazio espositivo. e, in alcune versioni interattive, anche via internet e radio locali; il pubblico può integrare il vocabolario usato dalle macchine attraverso l’invio di SMS.
Installations of computers
(WMachines) which are programmed to generate real-time flows of words and voices (in Latin) which can be listened to in the exhibition space and, in some interactive installations, via the internet and local radio. By sending SMSs the public can expand the vocabulary used by the machines.  


Neon, Bologna, 2003


           
     WMachines #16-20, 2004, cm 24 x 21 x 3,5
     Senza titolo (gettare piazza giallo pensiero), 1992, lambda print, 20 x 30



 Museo del Mezzi di Comuniczione, Arezzo, 2010